Questo sito utilizza cookie che ci aiutano a fornire i nostri servizi. Continuando la navigazione, accetti il nostro utilizzo dei cookie. Informazioni

Vai al sito di Maha Guru Plinck

Banner

Silat Time

senza nome-1.jpg

Chi è on line

 3 visitatori online

Login



Pagina Facebook

Banner

Canale Youtube

Banner

Difesa Personale e Falsi Maestri

Visti i continui fatti di cronaca che ci parlano di aggressioni, stupri, violenze, e purtoppo la situazione sociale non favorevole, la sensazione di insicurezza che oramai è pensiero comune nelle persone di oggi -in special modo nelle donne- sta costringendo un sempre maggior numero di persone a interessarsi alle arti marziali in genere o comunque di tutti quei sistemi che insegnano la difesa personale.

Il Pukulan Pencak Silat Sera è un’Arte Guerriera e non ha nulla a che fare con i soliti corsi di difesa personale dell’ "imparo a difendermi in 5 lezioni"...Infatti, noi non contempliamo NESSUN Corso di difesa personale ma un percorso lungo e duro che porta alla verità che è in Noi...

Il nostro pensiero è semplice: nessuno, ma proprio nessuno, riuscirà a imparare a difendersi in poche lezioni, così come nessuno, sempre secondo noi, si può chiamare Maestro o Guru... dopo qualche corso o pochi anni di pratica. Sarebbe decisamente fuori luogo e irrispettoso farlo!
Purtroppo il mondo marziale, della difesa personale e del Pencak Silat è saturo di persone che si fanno chiamare Guru, pur non essendolo!
Si autonominano Maestri ma in realtà non lo dimostrano affatto se non a parole ma mai con esempi di vita!
Questo titolo è decisamente inflazionato ai nostri tempi ma sempre di grande effetto.

Il Pukulan Pencak Silat Sera è un sistema decisamente invasivo e dirompente: è proprio nella sua natura esserlo. Non richiede però una struttura fisica particolare e nemmeno una preparazione atletica particolare. Il sistema si basa su piccoli movimenti e sulle geometrie del corpo che, una volta assimilate e fatte proprie, garantiscono una stabilità impressionante, la quale è fondamentela per sferrare colpi potenti.

Uno dei concetti base è quello di colpire le zone molli del corpo del nemico (collo, genitali, occhi, ecc.) con parti dure del nostro corpo, come i gomiti, le ginocchia, la punta delle dita, gli avambracci. Anche nella scelta di colpi quali pugni normali e a martello si usa tutto il corpo: tutto partecipa all'azione come un'onda che travolge tutto e tutti.

Per noi il combattimento è una questione mentale, diciamo per un 80% e solo il restante 20% è metodologia e tecnica, perchè senza intento e volontà non si puo combattere e difendere se stessi e i propri cari, nemmeno conoscendo tutti i sistemi e le tecniche del mondo.

Particolare attenzione inoltre viene data alla cura della salute, perchè sarebbe inutile allenarsi con metodi troppo invasivi per l'organismo e il fisico. Non servirebbe poi molto ammalarsi per saper combattere, con la consapevolezza sempre, che il combattimento è una questione mentale.